Archivi categoria: Informazione/Stampa

Tessere Hera hackerabili?

imageDa quest’anno i cittadini del comune di Castelfranco Emilia hanno visto cambiare in modo rilevante la gestione della raccolta differenziata dei rifiuti.
Dal 1 gennaio 2018 è stata infatti introdotta la tariffa puntuale dei rifiuti urbani su tutto il territorio che si compone tra le varie voci anche del costo della indifferenziata conferita attraverso i cosiddetti cassonetti a calotta, cassonetti accessibili solo con apposita Card rilasciata dal gestore.
I dati relativi ai conferimenti sono quindi utilizzati, oltre che ai fini statistici, soprattutto per la contabilizzazione e relativi ulteriori addebiti all’utente dovuti ai conferimenti eccedenti la soglia annua prevista.
Il M5S di Castelfranco Emilia ha ricevuto a tal proposito una lettera di un cittadino che segnala possibili criticità relative al funzionamento delle Card, segnalando che la tecnologia utilizzata e tutte le informazioni in essa contenute, renderebbero possibile la clonazione delle tessere, così che un malintenzionato provvisto di una strumentazione facilmente reperibile anche su internet.
La Carta Smeraldo utilizza infatti la tecnologia Tag NFC (Near-Field Communication) e dati contenuti nelle 2 tessere Smeraldo consegnate a ogni nucleo familiare sono essenzialmente un codice che identifica la tessera e la data e l’ora dell’ultimo conferimento: ogni volta che si apre un cassonetto vengono, infatti, scritte sulla tessera che si sta utilizzando la data e l’ora dell’utilizzo.
Parrebbe però che la scelta di questa tipologia di tessere NFC non offra sufficiente protezione dei dati in esse contenute per evitare possibili contraffazioni visto che i dati stessi contenuti nelle tessere sarebbero facilmente accessibili da chi è dotato di strumentazione adatta, facilmente reperibile anche su internet, a costi molto contenuti.immagini.quotidiano.net
Praticamente chiunque sarebbe in grado di leggere e scrivere i dati contenuti sulle tessere Smeraldo, duplicarle o creare tessere senza nominativo assegnato, oppure addirittura produrre copie di tessere già assegnate ad altri utenti.
A questo punto ci siamo domandati, con forte preoccupazione, se sia affidabile il sistema scelto, ed una volta accertata la consistenza del problema, quali siano le azioni che l’amministrazione comunale intende mettere in campo al fine di garantire sicurezza e privacy ai nostri cittadini che potrebbero correre il rischio di vedersi aumentare costi a loro carico in modo fraudolento.
Non avendo la pretesa di stabilire se quanto denunciato sia fondato e, senza accusare nessuno, chiediamo una verifica in tuttte le sedi circa la sicurezza di queste tessere ed una valutazione di fattibilià circa il possibile miglioramento anche attraverso l’utilizzo di altri sistemi per doverosa cautela.
Riterremmo quindi necessarie azioni urgenti di adeguamento tecnologico su tutti i cassonetti dislocati sul territorio e delle relative tessere, oltre che avvisare tutti gli utenti di verificare i conferimenti realmente effettuati fino ad oggi.
Inoltre ci auguriamo che, se quanto riportato nella lettera che abbiamo ricevuto dovesse risultare fondato, il costo delle iniziative che porrà in essere il gestore sia a suo carico e non ricada sui costi del servizio e quindi sulle spalle dei cittadini.
Dopo le tante perplessità che negli anni abbiamo sollevato verso questo tipo di gestione della raccolta dei rifiuti, esigiamo solerti risposte da parte dell’amministrazione all’ interrogazione che abbiamo presentato circa l’ennesimo punto debole di questo sistema.

Be Sociable, Share!

Virus West Nile e Toscana

west-nile-2-800x450

Il M5S di Castelfranco ha ritenuto opportuno inviare una interrogazione scritta all’Amministrazione Comunale a seguito delle numerose istanze di moltissimi cittadini, preoccupati per la situazione igienico sanitaria in cui versano diverse aree verdi come parchi e campi sportivi della nostra città invase da insetti e topi, oltre che per la manutenzione insufficiente di erbe ed arbusti vari.

I fatti degli ultimi giorni con diverse persone decedute o oggetto di gravi infezioni in provincia di Modena, a causa dei Virus West Nile e Toscana trasmessi dalle punture di zanzara, pappataci e simili,  hanno preoccupato tutti,  particolarmente intimoriti per le varie infezioni trasmesse dalle punture di zanzare e altri insetti.

I cittadini hanno il sacrosanto diritto di rivendicare un ambiente salubre ed ottimale, come prevede l’art. 32 della Costituzione Italiana, che sancisce la tutela della salute come ”diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività” (come anche previsto all’art. 1- punto 2b della legge regionale n. 29 del 24/12/2004).

Il Sindaco, per disposizione di Legge (art. 50 TUEL) in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale, dal canto suo può adottare provvedimenti contingibili ed urgenti quale rappresentante della comunità locale, come ha fatto anche con l’ordinanza del 30/08/18, che tra gli altri responsabili indica anche i privati richiedenti autorizzazioni a manifestazioni che comportino il ritrovo di molte persone nelle ore serali in aree verdi anche ma non solo pubbliche.

Ad oggi però, non ci risultano ancora essere stati effettuati dall’amministrazione, i dovuti trattamenti adulticidi in tutte le aree verdi frequentate anche da bambini o persone a rischio, se non in prossimità delle scuole, mentre si è chiesto ai privati di provvedere anche per le aree pubbliche in caso di raggruppamento di persone.

Per questo motivo abbiamo chiesto quali siano le intenzioni dell’ amministrazione per predisporre ogni atto utile e necessario al fine di rimuovere il problema in aggiunta a quelle in prossimità dei plessi scolastici già interessate dalle operazioni del 14/09/18,  a prescindere dal fatto che, come indicato nell’ordinanza del Sindaco, siano previste o meno manifestazioni o particolari concentrazioni di persone e di pubblico, e soprattutto anche successivamente al 30/09/18.

Contestualmente abbiamo anche presentato subito una effettiva proposta di disinfestazione  con lo strumento della Mozione attraverso la quale il Consiglio Comunale (a maggioranza PD) dovrà prendere atto e votare se “impegnare o meno il Comune a muoversi in questo senso”.

Ci auguriamo che, trattandosi di salute pubblica  si presti a questo problema la massima attenzione e cura.

INTERROGAZIONE DISINFESTAZIONE AREE VERDI

MOZIONE DISINFESTAZIONE AREE VERDI

 

Be Sociable, Share!

ASSEMBLEA APERTA

ASSEMBLEA APERTA2

Be Sociable, Share!

Un Pd alla frutta…

StazApprendiamo a mezzo stampa, dal PD di Castelfranco Emilia, che per la stazione dei treni l’amministrazione ha fatto il “suo”.

Certo ha fatto il “suo”, come chiudere l’unica biglietteria integrata in città presso la quale le famiglie potevano recarsi per acquistare gli abbonamenti studenti costringendole a recarsi a Modena.

Biglietteria che era anche un costante presidio contro lo stato di abbandono in cui versa, come denunciato da tutti gli utenti della stessa.

Chiusura denunciata più volte dal M5S in Consiglio Comunale e dovuta, come da risposte dell’Amministrazione, alla mancanza di fondi, ben 10.000 euro/annui, con cui finanziarla.

Apprendiamo inoltre sempre dalla stampa che lo stesso PD si lamenta del fatto che i lavori di riqualificano della stazione non siano iniziati e si domanda se sia il nuovo Governo che intende bloccare il cantiere solo per ostacolare i miglioramenti infrastrutturali progettati negli ultimi anni.

Ricordiamo che come M5S, a tutti i livelli, abbiamo sempre portato avanti i SOLI interessi dei cittadini e rigettiamo assolutamente l’illazione e la neanche tanto velata accusa, di voler bloccare opere fondamentali per la stazione per fare un dispetto alle amministrazioni dell’Emilia Romagna.

Se non ci fosse da piangere per la situazione di degrado alla quale la stazione è stata lasciata proprio da questa stessa amministrazione in carica ci potrebbe sembrare un film comico.

Dopo anni in cui il M5S ha costantemente denunciato prima la chiusura della biglietteria dei treni, poi la chiusura dei bagni pubblici, poi le mancate manutenzioni, il nuovo segretario locale, probabilmente per non dover ammettere di aver timore di non portare a casa la tanto sbandierata, e a nostro avviso misera, riqualificazione promessa negli ultimi tempi, tenta la carta di addossare la responsabilità al nuovo Governo.

Evidentemente il neo-segretario Pd Silvestri intende mettere le mani avanti in vista delle prossime elezioni amministrative per cercare di addossare ad altri i fallimenti del Pd e discolparsi per i mancati risultati di tutti questi anni.

Ricordiamo infatti che negli ultimi 4 anni il Pd ha governato il paese, la Regione ed il Comune.

Dov’erano Silvestri e il Pd in tutti questi anni? Ed ora si chiedono pure come mai Rfi, con un progetto pronto dal 2017, non sia ancora partita con i lavori? Farebbero meglio a chiedere al loro ex-Ministro Del Rio o al Governatore Bonaccini.

Vogliamo dire al Segretario Silvestri che noi non ci stiamo a questo misero tentativo di ribaltare la frittata!

Questa puerile frecciata nei confronti del governo senza avere alcuna prova di un ipotetico “blocco”, unita alla solita frenesia pre-elettorale fatta di piccoli interventi insignificanti non fa altro che evidenziare in modo agghiacciante i 9 anni di immobilismo di questa amministrazione a guida Reggianini, quindi questo messaggio comparso sulla stampa a proposito dei lavori di RFI fa parte della stessa disperazione: Perché non hanno sollecitato questi interventi quando al governo c’erano loro?

Hanno ripetutamente e costantemente rifiutato di prendere in considerazione le nostre proposte, le nostre interpellanze pubbliche, i nostri appelli di ascolto delle richieste dei cittadini come la petizione popolare contro la volontà di lasciar “morire” quella che loro stessi dichiaravano essere la principale porta di accesso alla città ed ora vogliono addossare la colpa al Governo?

No, la colpa della loro latitanza sul fronte dell’ascolto ai bisogni della cittadinanza se la dovranno tenere.

Se non saranno in grado di portare a casa nemmeno questo intervento …. non sarà che un’ennesima riconferma di quanto sta succedendo al PD nazionale, tanto, tanto, tanto fumo ma nessun arrosto.

La realtà è ormai sotto gli occhi di tutti, non serviranno biechi tentativi di mistificazione per nascondere l’inconcludenza ed il fallimento del Pd in questi 4 anni sulla nostra stazione.

Be Sociable, Share!

ASSEMBLEA APERTA

Assemblea-Aperta-28-05-2018

Be Sociable, Share!

ASSEMBLEA APERTA

Assemblea-Aperta-724x1024

Be Sociable, Share!

Villa Sorra, calendario bloccato per colpa di Modena e San Cesario

Villa_sorra_02-e1492188115662Villa Sorra è una delle più importanti ville storiche del territorio modenese. Il suo inestimabile valore storico ha un rilievo non solo locale grazie alla presenza di una maestosa villa, edifici rustici, una serra, un parco storico, le vie dell’acqua oltre che il più rappresentativo giardino “romantico” dell’Ottocento estens. La tenuta, che conserva ancora oggi il nome dei Sorra, (nobile famiglia che edificò il complesso e ne ebbe la proprietà per oltre due secoli), dal 1972 è di proprietà dei Comuni di Nonantola, Castelfranco Emilia, Modena, e San Cesario sul Panaro. Ebbene, dei quattro comuni solo Nonantola e Castelfranco hanno per il momento rinnovato la convenzione per consentire la promozione, manutenzione ordinaria delle aree verdi e degli edifici oltre che la valorizzazione del complesso storico.  A tutt’oggi però il sindaco di Modena Muzzarelli e il sindaco di San Cesario sul Panaro Gozzoli non hanno ancora sottoscritto la convenzione che riguarda il periodo 2018/2022′.
Un ritardo ingiustificabile secondo i membri del Meetup5 stelle di Nonantola e del  Movimento 5 stelle di Modena e Castelfranco Emilia in quanto ‘il parco con le annesse proprietà è restato chiuso alle manifestazioni culturali per il periodo Pasquale’.
‘Facciamo quindi un appello ai sindaci dei due comuni affinchè rinnovino al più presto la convenzione in modo da poter stilare un calendario di eventi per l’anno 2018 che è già iniziato da un pezzo. E’ un peccato che i sindaci non si siano ancora attivati in quanto l’indotto turistico è una delle risorse che negli ultimi anni a livello nazionale assume dimensioni economiche significative, con ricadute rilevanti sull’economica locale’.
Be Sociable, Share!

DIRITTO AI SERVIZI EDUCATIVI

1339491397642.bmp--_manzoni___una_scuola_al_freddo.bmp

Come temevamo, alla scadenza del 10 marzo, emergono tutte le criticità dell’obbligo vaccinale introdotto dalla legge 119/2017 e imposto ai bambini dei nidi e delle scuole dell’Infanzia.

A seguito di nostro accesso agli atti siamo venuti in possesso dei dati che riguardano Castelfranco.

La situazione non è per niente rosea; dalla risposta ricevuta almeno 60 bambini non risultano in regola con la prosecuzione dell’iter dispositivo individuato dalla legge e quindi, come disposto, non avranno più accesso a scuola.

Nonostante il diritto all’istruzione sia da sempre pilastro fondante della nostra comunità, la legge ha introdotto misure coercitive e relative sanzioni che rischiano di minarlo profondamente, a discapito di bambini che non hanno ovviamente nessuna possibilità di decidere autonomamente.

La risposta del 14 febbraio a una interrogazione regionale effettuata dal Movimento 5 Stelle, precisa infatti l’impedimento alla frequenza ai servizi educativi e alle scuole dell’infanzia e conferma una sanzione da euro 100 a euro 500 per chi frequenta invece le scuole dell’obbligo.

Se istituzionalmente non si cerca di trovare un equilibro tra le cause che hanno messo il bambino nella condizione di non essere ancora vaccinato e gli effetti di una esclusione dal diritto alla formazione, nemmeno a Castelfranco si garantirà più, a tutti i bambini e alle loro famiglie, la possibilità di esercitare a pieno il diritto all’istruzione senza distinzioni.

Auspichiamo che ci si adoperi affinché tutti i bambini non vaccinati, ma regolarmente iscritti e accettati alle scuole dell’infanzia ed ai nidi nel nostro Comune, possano giungere a conclusione dell’anno scolastico 2017/2018, senza alcuna interruzione di servizio e continuità educativa.

L’istruzione deve rimanere un diritto, non un’opportunità.

Be Sociable, Share!

GRAZIE CASTELFRANCO!

Il Movimento 5 Stelle di CASTELFRANCO ringrazia tutti i cittadini che hanno contribuito, con il loro voto, al raggiungimento di questo risultato storico sia a livello nazionale che locale: e’stato premiato il lavoro di questi anni, in cui si è sempre cercato di sostenere i cittadini e agire con onestà e trasparenza. La nostra presenza, sia a livello nazionale che sul territorio, proseguirà con testa , cuore e umiltà.
A Castelfranco ma anche a Modena e provincia il movimento ha superato il PD (risultato storico!!) e in molte sezioni è la prima forza politica.
Si conferma l’importante risultato raggiunto cinque anni fa, con la differenza che quest’anno i voti sono stati dati con la consapevolezza del grande lavoro svolto in questi 5 anni a livello nazionale e sul territorio.

28619332_1686779678069223_5371914615136836228_o

Be Sociable, Share!

Dibattito pubblico: Sicurezza Legalità Immigrazione

26231881_1627869947293530_4919660759802529825_oUna mattinata di approfondimento sui temi Legalità, Sicurezza e Immigrazione che saranno affrontati partendo da un’analisi di carattere nazionale per poi entrare nel merito delle criticità locali.
Interverranno alla mattinata i due Portavoce M5S alla Camera dei Deputati, Vittorio Ferraresi della Commissione Giustizia e Manlio di Stefano della Commissione Affari Esteri.
L’aspetto più localistico sarà invece affrontato dai Consiglieri Comunali M5S Castelfranco Emilia
Al termine di tutti gli interventi si darà la possibilità ai partecipanti di intervenire con delle domande.
La partecipazione è libera e aperta a tutti, l’evento comincerà alle ore 11.00.
Non mancate, vi aspettiamo numerosi

Be Sociable, Share!