Un Pd alla frutta…

StazApprendiamo a mezzo stampa, dal PD di Castelfranco Emilia, che per la stazione dei treni l’amministrazione ha fatto il “suo”.

Certo ha fatto il “suo”, come chiudere l’unica biglietteria integrata in città presso la quale le famiglie potevano recarsi per acquistare gli abbonamenti studenti costringendole a recarsi a Modena.

Biglietteria che era anche un costante presidio contro lo stato di abbandono in cui versa, come denunciato da tutti gli utenti della stessa.

Chiusura denunciata più volte dal M5S in Consiglio Comunale e dovuta, come da risposte dell’Amministrazione, alla mancanza di fondi, ben 10.000 euro/annui, con cui finanziarla.

Apprendiamo inoltre sempre dalla stampa che lo stesso PD si lamenta del fatto che i lavori di riqualificano della stazione non siano iniziati e si domanda se sia il nuovo Governo che intende bloccare il cantiere solo per ostacolare i miglioramenti infrastrutturali progettati negli ultimi anni.

Ricordiamo che come M5S, a tutti i livelli, abbiamo sempre portato avanti i SOLI interessi dei cittadini e rigettiamo assolutamente l’illazione e la neanche tanto velata accusa, di voler bloccare opere fondamentali per la stazione per fare un dispetto alle amministrazioni dell’Emilia Romagna.

Se non ci fosse da piangere per la situazione di degrado alla quale la stazione è stata lasciata proprio da questa stessa amministrazione in carica ci potrebbe sembrare un film comico.

Dopo anni in cui il M5S ha costantemente denunciato prima la chiusura della biglietteria dei treni, poi la chiusura dei bagni pubblici, poi le mancate manutenzioni, il nuovo segretario locale, probabilmente per non dover ammettere di aver timore di non portare a casa la tanto sbandierata, e a nostro avviso misera, riqualificazione promessa negli ultimi tempi, tenta la carta di addossare la responsabilità al nuovo Governo.

Evidentemente il neo-segretario Pd Silvestri intende mettere le mani avanti in vista delle prossime elezioni amministrative per cercare di addossare ad altri i fallimenti del Pd e discolparsi per i mancati risultati di tutti questi anni.

Ricordiamo infatti che negli ultimi 4 anni il Pd ha governato il paese, la Regione ed il Comune.

Dov’erano Silvestri e il Pd in tutti questi anni? Ed ora si chiedono pure come mai Rfi, con un progetto pronto dal 2017, non sia ancora partita con i lavori? Farebbero meglio a chiedere al loro ex-Ministro Del Rio o al Governatore Bonaccini.

Vogliamo dire al Segretario Silvestri che noi non ci stiamo a questo misero tentativo di ribaltare la frittata!

Questa puerile frecciata nei confronti del governo senza avere alcuna prova di un ipotetico “blocco”, unita alla solita frenesia pre-elettorale fatta di piccoli interventi insignificanti non fa altro che evidenziare in modo agghiacciante i 9 anni di immobilismo di questa amministrazione a guida Reggianini, quindi questo messaggio comparso sulla stampa a proposito dei lavori di RFI fa parte della stessa disperazione: Perché non hanno sollecitato questi interventi quando al governo c’erano loro?

Hanno ripetutamente e costantemente rifiutato di prendere in considerazione le nostre proposte, le nostre interpellanze pubbliche, i nostri appelli di ascolto delle richieste dei cittadini come la petizione popolare contro la volontà di lasciar “morire” quella che loro stessi dichiaravano essere la principale porta di accesso alla città ed ora vogliono addossare la colpa al Governo?

No, la colpa della loro latitanza sul fronte dell’ascolto ai bisogni della cittadinanza se la dovranno tenere.

Se non saranno in grado di portare a casa nemmeno questo intervento …. non sarà che un’ennesima riconferma di quanto sta succedendo al PD nazionale, tanto, tanto, tanto fumo ma nessun arrosto.

La realtà è ormai sotto gli occhi di tutti, non serviranno biechi tentativi di mistificazione per nascondere l’inconcludenza ed il fallimento del Pd in questi 4 anni sulla nostra stazione.

Be Sociable, Share!

Pubblicato il 6 settembre 2018 su Informazione/Stampa. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento