Ospedale: malato terminale !

ospedale_castelfranco1_thumb.jpgApprendiamo dal comunicato stampa del capogruppo del PD Matteo Silvestri, apparso di recente sui quotidiani locali, di un investimento di “settemilioni di Euro” per l’ospedale di Castelfranco Emilia, annunciato con estrema enfasi.

A tal proposito vorremmo riportare all’attenzione dei cittadini quanto è invece contenuto negli atti della AUSL, i quali descrivono quale sarà invece il futuro dell’ospedale di Castelfranco Emilia.

I fantomatici “settemilioni” di Euro di investimento tanto sbandierati dal PD, sono in realtà costituiti da importi già stanziati da diverso tempo: € 3.954.405,00 per i necessari lavori di adeguamento della struttura alle norme di prevenzione incendio ed € 3.504.000,00 per un hospice, previsto in precedenza nella struttura ospedaliera di Baggiovara, ed ora assegnato a Castelfranco Emilia.

L’hospice ( struttura ospedaliera con soli dieci posti letto che ospita esclusivamente malati terminali), assieme al futuro ospedale di comunità( struttura extra ospedaliera da 20 posti letto che eroga assistenza alle sole persone che non necessitano di ricovero ospedaliero o di terapie intensive e che non sono in grado di essere assistiti a domicilio a causa di inadeguate condizioni socio ambientali) sostituiranno completamente i 40 posti letto di medicina generale e di lungodegenza, andando così a decretare la fine del classico concetto di ospedale.

E non è finita qui, sempre dagli atti, si apprende che tutti i medici interni ai reparti verrano trasferiti in altre strutture sotto organico della Provincia, sostituendoli con i medici di base.

Questo è il concetto di nuova sanità di cui si vanta tanto il PD, il tutto nel più assoluto silenzio nei confronti dei cittadini, e definendo questa trasformazione una riqualificazione, usando i soliti giochi di parole volti a confondere l’opinione pubblica.

 

Movimento 5 Stelle Castelfranco Emilia.

Be Sociable, Share!

Pubblicato il 27 agosto 2014, in Informazione/Stampa con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento